Il Matrimonio in Turchia: Storia e Tradizioni!

La mia curiosità, in tema in Nozze, mi ha spinto ultimamente, a scoprire le tradizioni legate al Matrimonio, gettando lo sguardo, un pò più lontano da quelle che sono le nostre abitudini.


Parto, proprio dalla Turchia, una terra, che ho visitato qualche anno fa, e che mi è rimasta nel cuore, per il colore dei tessuti, e le ricche tradizioni che ruotano attorno alle Nozze.





Culturalmente, la Turchia può essere divisa in due grandi aree geografiche: quella orientale e quella occidentale. La culla della cultura turca è però da ricercarsi nelle culture delle popolazioni asiatiche che vivevano nelle steppe e in quelle di altre popolazioni con cui i Turchi sono venuti in contatto. Il matrimonio è una parte essenziale del folklore turco, espressione di una cultura antichissima che nel tempo non ha perso la sua originale funzione e il suo scopo. Esistono differenti tipi di cerimonie matrimoniali in Turchia. Le varie tipologie dipendono dallo status sociale ed economico della coppia e delle loro famiglie e dall'area geografica dove vengono celebrate: nelle aree rurali le cerimonie sono diverse che nelle città, nell'Anatolia centrale sono diverse rispetto alla Tracia o all'Anatolia orientale. Originariamente, il matrimonio turco durava quaranta giorni e quaranta notti, oggi nelle aree rurali dura solo tre giorni e in città ancora meno.


  • Anatolia centrale

  • Tracia

  • Anatolia orientale

  • Altri tipi di matrimonio in Turchia


Nell'Anatolia centrale, i preparativi per il matrimonio cominciano dopo che, i genitori abbiano dato il permesso, alla futura coppia che ha deciso di sposarsi. la coppia che vuole sposarsi.

Tre giorni prima della festa di matrimonio, la famiglia del futuro sposo manda alla famiglia della futura sposa una grande varietà di cibo. La futura sposa è nascosta dagli amici, e i parenti del futuro marito, sono tenuti a farle visita, talvolta regalando piccoli doni agli amici della sposa in cambio di informazioni su dove è la ragazza. Nel frattempo, i più anziani delle famiglie compilano una lista dei beni che acquisteranno per la giovane coppia, annotando il tipo, la quantità e il prezzo, una sorta di Lista Nozze. Intanto, la famiglia della sposa offre il té per tutta la gente del villaggio, che danza ed esegue musica tradizionale.


Nella regione della Tracia, le cerimonie matrimoniali cominciano di solito il martedì mattina.

La notizia del matrimonio è diffusa in tutto il villaggio attraverso il suono dei tamburi e dei corni.

La gente dai villaggi vicini arriva il giorno seguente, il mercoledì, che è anche chiamato "giorno dei doni". Gli ospiti che vengono dagli altri villaggi annunciano il loro arrivo sparando colpi di fucile e pistola. Il rituale della henna , cui partecipano solo donne e ragazze, si svolge il mercoledì notte, mentre il giovedì, di buon mattino, i parenti sono invitati ai festeggiamenti dal suono dei tamburi. C'è anche una specie di intrattenimento lungo il fiume per le ragazze giovani, sempre di mattina prestissimo. I preparativi per il corteo della sposa sono organizzati nello stesso giorno ma di pomeriggio. Tutte le macchine sono decorate con tappeti e kilim e la prima macchina, in testa alla coda, espone anche una bandiera turca. Il corteo va prima alla casa dello sposo e, finalmente, cominciano i festeggiamenti. Infine, la sposa saluta i suoi genitori e sale nella macchina che la porterà nella casa dello sposo. Il giorno dopo, si suonano ancora i tamburi per informare tutti che la festa è finita.


Nell'Anatolia orientale, i ragazzi di 18 anni e le ragazze di 16 sono considerati in età da matrimonio. Prima di fare alcuna proposta, la famiglia di un ragazzo visita la famiglia di una ragazza, dando un'occhiata alla candidata e osservandola bene. Il ragazzo non ha un ruolo importante in questa fase. Finché le famiglie non giungono ad un accordo, il matrimonio non ha luogo. Durante la seconda visita il ragazzo chiede la mano della ragazza alla famiglia di lei in nome di Dio e del profeta Muhammad. Cominciano i preparativi, le due famiglie si scambiano doni e si celebrano due matrimoni: uno civile, l'altro religioso. Quello religioso si tiene nella casa della ragazza una settimana prima di quello civile.


Altri tipi di matrimonio in Turchia. In Turchia il matrimonio tra parenti era molto comune. Attualmente, la frequenza è diminuita a causa dell'impatto dell'urbanizzazione, ma sopravvivono ancora altri tipi singolari di matrimonio.

Levirat: in caso di morte del fratello, un uomo non sposato precedentemente può sposare la vedova di suo fratello. Questo tipo di matrimonio permette di non disperdere l'eredità e la prole.

Taygeld: una vedova sposa un vedovo e i figli si sposano tra di loro.

Oturakalma: è una variante del matrimonio per rapimento della ragazza, oggi abbastanza in disuso. Oggi accade che la ragazza scappi di casa e vada a stare a casa dell'uomo che ama.

Besik kertme: è un tipo di matrimonio molto usato in passato, ma oggi assolutamente scomparso. Mentre i bambini erano ancora nella culla, i rispettivi genitori li impegnano reciprocamente. Il rifiuto da parte di uno dei due di sposarsi ha dato luogo, in passato, a moltissimi fatti di sangue.

Le guveysi: in questo tipo di matrimonio, l'uomo va a stare nella casa dove vive la donna.

Berder: una famiglia con una figlia e un figlio dà e prende da un'altra famiglia una figlia e un figlio da un'altra famiglia.


Ogni luogo della Terra ha la sua storia affascinante e romantica.

Il prossimo articolo, toccherà le terre della Tunisia.


Francesca

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • YouTube Social  Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Contatti

Lunedi -Sabato : 9.00 / 13.00​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​   16.00 /19.30

francescaderosewedding@gmail.com

info: 0984 506875 -  338 8031629

  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Basic Black
  • Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon

Ogni giorno della vita è unico,
ma abbiamo bisogno che accada qualcosa che ci tocchi per ricordarcelo.
Non importa se otteniamo dei risultati o meno,
se facciamo bella figura o no, in fin dei conti l’essenziale, per la maggior parte di noi,
è qualcosa che non si vede, ma si percepisce nel cuore.

                   

              Aruki Murakami

© 2023 by PURE. Proudly created with Wix.com